lunedì 8 ottobre 2012

Recupero mobili-La sedia shabby

  Ecco qui finalmente, dopo giorni e giorni di...frastagliato lavoro, la sedia shabby! Dico frastagliato perchè con le piccole pesti è tutto un corri-corri e con il mio primo impiego di MAMMAATEMPIOPIENO mi rimane complicato dedicarmi alla mia passione primaria attuale. Ovvero, il recupero e il restyling di mobili. 
  Ciò che combino è esattamente andare qualche mattina direttamente all'isola ecologica a spulciare nei grossi cassoni della spazzatura, divisi per materiali. Un primo sguardo va immediatamente al..."reparto"legno, dove fanno capolino cassettiere, ante di vecchie finestre e a volte, quando la fortuna mi assiste, altri mobili in ottimo stato. Ecco che tocca al ferro, dove tempo fa ho ripescato un baule bellissimo a cui sto lavorando ora e un lampadario in ferro battuto (nei prossimi post pubblicherò le foto). 
  E infine, nei "materiali ingombranti", tre giorni fa ho resuscitato due poltrone bergère, un divano stile '40 con annessa poltrona e altre due sedie. Ecco, io credo di avere una vera e propria mania per le sedute. Amo le sedie delle vecchie trattorie o dei bar, i sedili dei vecchi cinema, le poltrone, gli sgabelli... Vorrei mettermi alla seria ricerca di questo genere di pezzi e magari indirizzare la mia attenzione sul recupero di questi oggetti.

 Ma come si dice, bando alle ciance, ed ecco qui la mia sedia shabby, lavorata in collaborazione con la mia amica Arianna, che credo di aver ormaicontagiato con questa fissa del recupero!

Questa la sedia come l'abbiamo trovata. Il legno non era in cattive condizioni, ma abbiamo dovuto ricorrere a un pò di colla e chiodini per rafforzare le zampe.






 Dopo averla scartavetrata per bene (faticoso lavoro che ha eseguito con dedizione Arianna!), le abbiamo dato una mano di beige (colore all'acqua).


E' stata poi  la volta del passaggio della cera mediante una semplice candela sui  bordi e sugli intarsi della sedia. 

video

Dopo 2 passate di bianco abbiamo asportato la vernice dai punti con la cera(per creare l'effetto invecchiato ) e il tutto è stato rifinito con un protettivo per legno.

La parte dell'imbottitura sarà spiegata nel prossimo post con un breve video dei vari passaggi.

Ed ora ecco a voi......




La nostra prima sedia shabby-chic!












mercoledì 3 ottobre 2012

Creatività per bambini 2- teatrino riciclando uno scatolone

Quando in autunno cominciano le giornate piovose, cosa si può fare per tener buoni buonini i bimbi? La tv è un ottimo aiutante, ma se si ha un pò di buon senso, si spegne e ci si inventa qualcosa di carino, che li possa interessare.
Ed ecco qua cosa ci siamo inventati recentemente io e i miei bimbi. Un bellissimo teatrino ricavato da uno scatolone
Una volta terminato abbiamo deciso di farne il regalo di compleanno per un'amichetta che lo ha davvero apprezzato, insieme alle marionette e ai colori per ultimarlo (lo hanno dipinto tutti insieme).

Ecco qui il lavoretto passo passo.



L'anonimo scatolone, abbastanza grande.



Facciamo la sagoma del boccascena


e lo ritagliamo




Poi rivestiamo tutto con carta scottex o carta igienica utilizzando una colla composta da acqua e farina. In rete si trovano molte ricette, per chi non l'ha mai usata. Quella più nota prevede l'uso di 1,5 litri d'acqua per 100 grammi di farina di frumento.



Ed ecco qui il nostro teatrino che è stato poi completato dai bimbi con una pittura a tempera (atossica) di color rosso.




Eccolo qui il cantastorie-clown all'opera, con un suo racconto di leoni, topolini e asinelli!